La docimologia, una scienza poco utilizzata dal mondo scolastico italiano

La docimologia, una scienza poco utilizzata dal mondo scolastico italiano

La docimologia è la scienza che si occupa della valutazione e della misurazione della conoscenza, delle abilità e delle competenze degli individui. 

In altre parole, la docimologia studia i metodi e le tecniche per misurare l’apprendimento e l’efficacia dell’insegnamento; si applica a diverse aree dell’istruzione, dalla scuola primaria all’università, utilizzando una varietà di strumenti di valutazione, come: test, prove scritte, esami orali, progetti di gruppo e valutazioni pratiche. Uno dei principali obiettivi della docimologia è quello di garantire la giustizia e l’equità nella valutazione degli studenti, evitando errori o discriminazioni. Per questo motivo, la docimologia si preoccupa di sviluppare strumenti di valutazione affidabili, validi e oggettivi, che possano misurare in modo accurato le conoscenze e le competenze degli studenti oltre ad essere utilizzata per valutare l’efficacia degli interventi educativi, aiutando gli insegnanti a migliorare le loro pratiche di insegnamento. Infatti, attraverso l’analisi dei risultati delle valutazioni, si possono individuare i punti di forza e di debolezza degli studenti e degli insegnanti e prendere decisioni per migliorare il processo di apprendimento. 

In sintesi, la docimologia è una disciplina fondamentale per l’educazione, che contribuisce a garantire la qualità dell’insegnamento e a promuovere l’apprendimento degli studenti. Ci sono diversi metodi di valutazione utilizzati nella docimologia, alcuni dei quali sono:

1. Test a scelta multipla.

2. Test a risposta aperta.

3. Esami orali. 

4. Progetti di gruppo.

5. Valutazioni pratiche.

In generale, il metodo di valutazione utilizzato dipende dal tipo di conoscenza o competenza che si intende valutare e dalle finalità dell’assessment. La scelta del metodo di valutazione adeguato è importante per garantire la validità e l’affidabilità delle valutazioni e per ottenere informazioni utili per migliorare il processo di apprendimento. La validità e l’affidabilità delle valutazioni sono influenzate da diversi fattori, tra i quali:

1. Il modo in cui il test è costruito, inclusi i suoi obiettivi, la selezione delle domande e le istruzioni fornite, può influenzare la validità e l’affidabilità del test.

2. La preparazione degli studenti, inclusa la loro conoscenza e competenza nel campo di studio, può influenzare i risultati delle valutazioni.

3. Il contesto in cui viene somministrato il test, ad esempio il luogo, il tempo e le condizioni ambientali, può influenzare la validità e l’affidabilità del test.

4. La soggettività del valutatore, inclusa la sua esperienza e i suoi pregiudizi, può influenzare la validità e l’affidabilità delle valutazioni.

5. La variabilità delle valutazioni, inclusa la variabilità tra i diversi valutatori e la variabilità delle risposte degli studenti, può influenzare la validità e l’affidabilità del test.

Per garantire la validità e l’affidabilità delle valutazioni, è importante utilizzare tecniche e metodi di valutazione standardizzati e ben testati, fornire istruzioni chiare e dettagliate agli studenti, assicurarsi che i valutatori siano adeguatamente preparati e addestrati e utilizzare tecniche di controllo della qualità per monitorare il processo di valutazione. Ci sono diverse tecniche di controllo della qualità utilizzate per monitorare il processo di valutazione, tra le quali: i test pilota, le verifiche incrociate, la valutazione sia interna che esterna; in generale, l’uso di tecniche di controllo della qualità aiuta a garantire che il processo di valutazione sia accurato, affidabile e giusto per tutti gli studenti.

Naturalmente le valutazioni non possono prescindere da elementi che vanno a cercare nelle medesime l’oggettiva equità dei test e della valutazione che devono oggi prevedere le possibili discriminazioni verso gruppi di minoranze etniche, disabili, piuttosto che persone con background socio-economici svantaggiati. La docimologia deve mantenere il passo con le tecnologie emergenti, deve essere in grado di rispondere ai cambiamenti sociali e sviluppare nuovi strumenti e approcci per le valutazioni che riflettano i valori e le esigenze emergenti della società. Per non parlare delle valutazioni a distanza, generate dal covid-19. Per dirla tutta, la docimologia interpreta magistralmente tutti i mutamenti sociali e le sue discrepanze, dimostrando di essere una scienza di connessione tra tutti i saperi per i quali si chiede un approccio tassonomico dell’apprendimento. La scienza che ci permetterà di mutare radicalmente il nostro modello scolastico, che oggi versa in un drammatico stadio metastatico.

Foto by https://vitoravo.com/

Articoli correlati